sopra le nuvole, il cielo è azzurro



CANCUN, ALLA FINE

 

E’ accordo o non è accordo? Il REDD potrebbe essere l’unico risultato del vertice di Cancun, ma ancora non è chiaro cosa sarà davvero. Il piano REDD (Riduzione delle emissioni da deforestazione e degrado forestale), è disegnato per proteggere le foreste finanziandone la conservazione invece della distruzione, al fine di evitare emissioni di gas ad effetto serra generate dalla deforestazione (rappresentato come un quinto delle emissioni globali).

La deforestazione e degrado forestale, causati dal taglio industriale, dall’espansione agricola, dalla conversione in pascoli e piantagioni, dallo sviluppo delle infrastrutture, ecc causa quasi il 20% delle emissioni globali di gas serra, più di tutto il settore mondiale dei trasporti, e secondo solo al settore energetico.

Realizzato come di deve, il REDD potrebbe contribuire ad arricchire le comunità forestali e proteggere le foreste. Realizzato male, diventa una minaccia ai diritti umani, mentre rischia di consentire un aumento delle emissioni di gas serra: insomma, una vera e propria truffa al carbonio.

Purtroppo, REDD è stato progettato su dinamiche finanziarie, e dove il denaro è coinvolto, gli interessi acquisiti e la corruzione può giocare un ruolo importante. Alcuni paesi ricchi prevede di utilizzare il REDD per continuare a emissione di carbonio. Le multinazionali stanno ora esplorando la nuova opportunità di affari sul sequestro del carbonio, e REDD rischia di portare a un massiccio assalto alla terra.
Nei round negoziali, molte misure di salvaguardia a beneficio della biodiversità e delle popolazioni locali e indigene sono state annacquate, mentre a Cancun le proposte già presentate sono misteriosamente sparite dal tavolo negoziale.

Le organizzazioni ambientaliste e rappresentanti indigeni a Cancun ha avvertito che REDD, così come è ora, sarà utile solo per permettere ai paesi sviluppati di evitare i propri impegni alla riduzione delle emissioni, acquistando crediti di carbonio nel paesi via di sviluppo. Le comunità indigene di tutto il mondo temono la « più grande corsa alla terra di tutti i tempi ».

Anche alcuni paesi latino-americani come Bolivia, Cuba, Ecuador, Nicaragua e Venezuela sostengono che il mercato del carbonio, attualmente alla base del REDD, rischia di incoraggiare un assalto alla  terra. La coalizione ha criticato il concetto di mercato del carbonio, definendolo un piano che beneficia solo i ricchi ei potenti. Il presidente boliviano Evo Morales ha sostenuto che qualsiasi accordo sulle foreste deve garantire i diritti umani, civili, economici e politici dei popoli indigeni.
« Vogliamo salvare la foresta, ma non sollevare i paesi sviluppati dalla responsabilità di ridurre le proprie emissioni – ha dichiarato Pablo Solone, capo negoziatore per la Bolivia – Pensiamo che ci dovrebbe essere un meccanismo di foreste, ma questo meccanismo dovrebbe essere integrale e non solo concentrata sul un dettaglio delle foreste, come la cattura delle emissioni di CO2. Le foreste sono molto più di questo ».

fonte: salva le foreste


  1. NanouB973 écrit:

    je ne comprend pas tout…mais suis d’accord avec ce titre : sauvons l a fôret

    je t’embrasse fort

    Citer | Posté 2010, 28 décembre, 17:54

Laisser un commentaire

ecoblog le blog éco |
Néolibéralisme & Vacuit... |
Maatjes en bier |
Unblog.fr | Créer un blog | Annuaire | Signaler un abus | cfdt trecia
| BARAKA
| Opposition à Center Parcs