sopra le nuvole, il cielo è azzurro


« | Accueil

TIMO – Thymus vulgaris L.

h431timo.jpg

Il timo è originario della regione mediterranea occidentale. Cresce spontaneo in tutta l’area mediterranea fino a 1500 m. Preferisce terreni calcarei e ben drenati. Vegeta bene nei luoghi soleggiati e non tollera inverni umidi e freddi.
Viene coltivato in Francia, Spagna, Grecia, Portogallo e Stati Uniti.

La diffusione dell’ impiego alimentare del Timo è dovuta non solo alle caratteristiche aromatiche ma anche a quelle antisettiche che contribuiscono a prolungare la conservazione dei cibi.

Viene utilizzato per le proprietà balsamiche, tossifughe, fluidificanti catarrali (è benefico anche per pertosse e asma), per combattere le infiammazioni e le infezzioni intestinali, per normalizzare i processi digestivi. Tisane e sciroppi di Timo tonificano l’ intero organismo, stimolano l’ appetito e la digestione, favoriscono il funzionamento del fegato, combattono le malattie da raffreddamento.

IN USO INTERNO: Le sommità fiorite.: Per le fermentazioni intestinali, e le affezioni catarrali dell’ apparato respiratorio. Infuso (tisana): 1 – 1,5 grammi in 100 ml di acqua. Due – tre tazzine al giorno (dolcificate con miele). Tintura vinosa: 2,5 grammi in 100 ml di vino bianco (a macero per 5 giorni). A bicchierini.

IN USO ESTERNO: Le sommità fiorite: Per detergere piccole piaghe e ferite in caso di necessità per purificare la cavità orale. Infuso: 5 grammi in 100 ml di acqua. Fare lavaggi, sciacqui e gargarismi.

Nella cosmetica popolare il Timo si usa per la sua energica azione defatigante sul viso (soffumigi brevi di una manciata di Timo in un catino di acqua bollente, tenendo ben chiusi gli occhi per evitare irritazioni).


Laisser un commentaire

ecoblog le blog éco |
Néolibéralisme & Vacuit... |
Maatjes en bier |
Unblog.fr | Créer un blog | Annuaire | Signaler un abus | cfdt trecia
| BARAKA
| Opposition à Center Parcs