sopra le nuvole, il cielo è azzurro



CARNE E LATTE

 

Una delle più severe proibizioni fatte all’ebreo in campo alimentare è quella di non contaminare carne e latte.

Mi pare opportuno rammentare il profondo significato morale che sorregge questo divieto.

La carne si ottiene solo attraverso la morte di un essere vivente; il latte, al contrario, proviene da una femmina che ha messo al mondo un neonato e con esso lo nutre, dunque è un alimento indossolubilmente legato al creare e dare vita.

Non si deve perciò praticare la pervesione di mescolare vita e morte: il principio è spiritualmente altissimo, ma non scevro da implicazioni disagevoli.

 

tratto da « il conto dell’ultima cena » di Moni Ovadia

 

 


Laisser un commentaire

ecoblog le blog éco |
Néolibéralisme & Vacuit... |
Maatjes en bier |
Unblog.fr | Créer un blog | Annuaire | Signaler un abus | cfdt trecia
| BARAKA
| Opposition à Center Parcs