sopra le nuvole, il cielo è azzurro


  • Accueil
  • > Archives pour le Mardi 6 avril 2010

CIBO COME ATTO DI LIBERTA’

 

Molti di noi consumano cibarie sulla base di un martellamento pubblicitario, di un’utilità funzionale al modello di vita dentro cui siamo stati incastrati da interessi altrui.

Eppure, ciò che entra nel nostro organismo può produrre le più diverse conseguenze. Quando ascoltiamo le parole di un bravo alimentarista, percepiamo la ricchezza di ogni molecola, di ogni vitamina, di ogni oligoelemnto, di ogni proteina che costituisce carburante e riserva per il corpo e il cervello.

Mangiare vuol dire vivere, non sopravvivere. E se decidiamo la nostra vita a partire da ciò che scegliamo per il nostro desco, quella decisione è un atto di libertà.

 

tratt oda « Il conto dell’ultima cena » di Moni Ovadia

 

 


ecoblog le blog éco |
Néolibéralisme & Vacuit... |
Maatjes en bier |
Unblog.fr | Créer un blog | Annuaire | Signaler un abus | cfdt trecia
| BARAKA
| Opposition à Center Parcs